Social Media Marketing

Instagram: come sfruttarlo per il proprio business

instagram

È indubbio che ci sia un interesse sempre maggiore nei confronti di Instagram e questa sensazione è supportata da dati concreti: il social visual per eccellenza ha annunciando di aver raggiunto 800 milioni di utenti mensili e 500 milioni di utenti attivi giornalmente (dati di settembre 2017). Sempre più aziende e privati, quindi, hanno capito che Instagram può rappresentare una concreta opportunità per il marketing online da sfruttare per il proprio business, ma la domanda è: come? In questo post vi diamo dritta.

1. Fatti delle domande

La prima domanda da farsi è: è su Instagram che sta il mio pubblico? Bisogna tenere a mente che su Instagram il pubblico è tendenzialmente più giovane che sulle altre piattaforme, col 55% di utenti al di sotto dei trenta anni. Se la tua attività ha un pubblico più spostato verso questa fascia di età è già un passo avanti.
L’altra domanda che devi farti è: la mia è un’attività che ha del potenziale visuale? Se hai prodotti fotogenici o sei disposto a mostrarti in foto sono ottimi punti di partenza. Se vendi polizze assicurative o materiale da costruzione ci penserei due volte prima di aprire un canale tutto incentrato sulle immagini.

2. Instagram è tutto mobile

Sicuramente avrai notato che Instagram è utilizzabile a pieno regime solo da mobile, e questa condizione fa sì che sia un social che si presta a un contenuto più spontaneo e istantaneo, favorendo un’interazione meno convenzionale tra brand e utenti. Sei in grado di gestire un canale che richiede una presenza in tempo reale? Hai il tempo e la voglia di gestire una community molto attiva con un coinvolgimento senza eguali su altri social? Se la risposta è no, meglio concentrare le energie su altri canali.

3. Istantaneità non significa assenza di pianificazione

Nonostante Instagram sia il regno dell’istantaneità, questo non significa che non si debba costruire e pianificare una content strategy. È di fondamentale importanza comunicare in maniera efficace il vostro brand e mantenere una coerenza con i contenuti postati sulle altre piattaforme social. Questo non significa utilizzare gli stessi contenuti per ogni canale, ma mantenere un filo rosso che vi caratterizzi e vi renda unici e riconoscibili. Pianificate le vostre pubblicazioni e rispettate il più possibile il calendario editoriale.

4. Già, il calendario. Ma cosa pubblicare?

Instagram è un ottimo alleato per il vostro business soprattutto nel medio e lungo periodo: il tutto e subito qui non funziona. Le vostre pubblicazioni dovrebbero raccontare la vostra attività e i valori su cui è fondata, dovrebbero coinvolgere un pubblico sempre più ampio che va a fidelizzarsi e, infine, ad avvicinarsi a voi non solo sui social, ma nella vita reale (con un contatto diretto, una domanda su un prodotto, infine su un acquisto).

Provate a creare un calendario editoriale che accosti foto con uno stile unico e riconoscibile, che stiano bene tra loro e che raccontino di voi. Possono essere foto dei vostri prodotti (ma evitate l’effetto catalogo, siate creativi), foto vostre mentre lavorate, foto che spieghino come usare i vostri prodotti, offrite soluzioni.

5. Sfrutta al massimo i dati in tuo possesso

Se gestisci un account Instagram per la tua azienda, devi fare lo switch all’account business per poter usufruire di tutti gli strumenti necessari all’utilizzo professionale del canale. Il passaggio è semplicissimo, ma bisogna necessariamente allacciare il profilo aziendale Instagram alla fanpage aziendale su Facebook. Una volta fatto ciò, cura con dovizia di particolari foto profilo, bio e link, che è l’unico cliccabile a vostra disposizione. Infine, dopo aver postato le prime foto (curate sia progetto fotografico che descrizione, mi raccomando!), studiate gli analytics, ossia i dati a vostra disposizione per capire qual è l’ora migliore per postare, chi è il vostro pubblico, ecc.

Poi ci sarebbe da parlare degli hashtag, ma qui si apre un altro mondo e per questo vi do appuntamento in un prossimo post!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.